Cocktail Buck’s Fizz, Mimosa e Passion Mimosa, per la festa della donna

mimosa-cocktail1Il Buck’s Fizz è un cocktail ideato in Inghilterra nel 1921, il cui nome è stato preso dal nome del locale dov’è stato servito per la prima volta; inizialmente utilizzava champagne e succo di arancia, ma oggi si usa pure dello spumante freddo al posto dello champagne e delle volte persino sciroppo di granatina. Il cocktail è composto da 10 cl di spremuta d’arancia fredda e 5 cl di champagne o spumante freddo.

Il cocktail Mimosa è un cocktail di gran classe che viene servito negli hotel di lusso e nelle classi prime degli aerei. Il nome Mimosa è chiaramente stato preso dalla pianta, per via del suo caratteristico colore giallo brillante.

Si pensa sia stato inventato da Paris Ritz nel 1925 e deriva dal Buck’s Fizz, dal quale differisce principalmente per la quantità degli ingredienti, che vanno serviti sempre freddi e versati in una flûte : 7,5 cl di spumante e 7,5 cl di arancia. Volendo si può aggiungere il Grand Marnier, allora il nome diventa Grand Mimosa.

Il cocktail Mimosa all’italiana utilizza prosecco al posto dello spumante. Alcuni barman servono il cocktail Mimosa con dei cubetti di ghiaccio e altri lo guarniscono con una twist d’arancia.

Consiglio: per il succo d’arancia utilizzate le sanguinelle e filtrate il succo attraverso un colino a maglia fine.

passion mimosa

Il cocktail Passion Mimosa si chiama così per la presenza del frutto della passione. Quella che vi presento è solo una delle infinite ricette:

  • succo di frutto della passione 6 cl
  • champagne 15 cl
  • triple sec 1,5 cl
  • fragola per decorare

Preparazione:

Versare il succo del frutto della passione in un flute da champagne. Aggiungere il triple sec e lo champagne. Con il bar spoon (il cucchiaino lungo da barman), mescolare dolcemente per evitare che lo champagne perda il perlage (le bollicine). Volendo si può aggiungere del succo d’arancia o utilizzarlo al posto del triple sec, in modo che non sia alcolico. Come decorazione potete utilizzare delle fragole lavate e tagliate a metà o dei rametti di mimosa.

Consiglio: per essere certi di utilizzare alcolici vegan (non chiarificati con parti animali), consultare il sito www.barnivore.com

Annalisa Veg

Appassionata di Ricette vegane, alimentazione naturali e prodotti biologici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *